Phishing e variante Omicron : un nuovo pericolo digitale.

Grazie agli studi di Bitdefender Antispam Lab veniamo a conoscenza di una nuova tipologia di phishing che si sta sviluppando in questo ultimo periodo.

Partiamo dal principio, cosa s’intende per “ Phishing “ ?

Wikipedia ci offre tale descrizione :

“Il phishing è un tipo di truffa effettuata su Internet attraverso la quale un malintenzionato cerca di ingannare la vittima convincendola a fornire informazioni personali, dati finanziari o codici di accesso, fingendosi un ente affidabile in una comunicazione digitale. “

I cybercriminali questa volta usano la variante Omicron COVID-19 per catturare l’attenzione vittime. Il testo dell’email assomiglia molto ad una richiesta del controllo di informazioni riguardante una certa spedizione allegando anche una fantomatica fattura. I cybercriminali citano nel messaggio le normative entrate in vigora con la diffusione della nuova variante. Tornando alla fantomatica fattura, in realtà essa NON è un file .pdf in quanto possiamo notare che in realtà l’estensione del file è .arj. L’allegato non è altro che un GuLoader, ovvero un Trojan ad accesso remoto più conosciuto come RAT. Grazie al GuLoader viene diffuso un FormBook, un malware in grado di rubare le informazioni della vittima ma soprattutto i dati bancari di quest’ultima. Questa modalità è nata inizialmente in territorio asiatico ma la diffusione in Europa non è tardata ad arrivare.

Ci teniamo a ricordare ai lettori di non fare mai affidamento su questo tipo di email e di dotarsi al più presto di un antivirus.